Area archeologica di San Lorenzo Maggiore, il criptoportico L’area archeologica, in cui sono visibili i resti dell’antico Foro di Neapolis, è il più rilevante sito archeologico presente nel centro storico di Napoli, sia per valore monumentale e topografico, sia per il suo inserimento all’interno del complesso angioino di San Lorenzo Maggiore. L’invaso irregolare di piazza

Monte di Pietà

Lungo via S. Biagio dei Librai, in fondo all’ampio cortile del seicentesco palazzo Carafa, si erge la Cappella del Sacro Monte di Pietà, uno dei primi banchi pubblici napoletani, nato alla fine del ‘500, allo scopo di elargire prestiti senza fini di lucro. Il complesso, edificato su progetto dell’architetto romano G.B.Lavagna, oggi è sede del

Palazzo Carafa di Maddaloni

Uno dei più interessanti del sec. XV a Napoli. Per distinguerlo dalle altre residenze della potente famiglia, è noto come palazzo di Diomede Carafa, dal nome del fondatore, primo conte di Maddaloni; venne compiuto nel 1466. Vi si fondono alcuni elementi caratteristici dell’architettura catalana (archi a sesto ribassato, colonne e capitelli nell’androne) con le forme

Palazzo Marigliano

Il palazzo Marigliano si trova in via San Biagio dei Librai 39. La costruzione dell’edificio è databile intorno al 1513, per volontà di Bartolomeo di Capua, conte di Altavilla. Il periodo è confermato da un’epigrafe in cui si ricorda che, nel 1759 (l’iscrizione parla del venticinquesimo anno di regno di Carlo III), Bartolomeo di Capua

TORNA SU